LA MAESTRA DAL CARRÈ BIONDO!

Mi ricordo come fosse ora!
11 Luglio 2019 esattamente ore 11,00
Squilla il telefono…
Alzo il ricevitore , mi presento e ancor prima che potessi guardare l’agenda degli appuntamenti, per vedere la prima data disponibile, con voce chiara e schietta mi sono sentita dire:
“Ho letto il suo articolo sul quotidiano ed ho bisogno di una Consulenza da lei per la prima settimana di settembre esattamente per Sabato 7 Settembre.

Neppure pensando tutte le ragioni del mondo potevo immaginare cosa significava per lei quella data, il perché era così importante visto che ad allora mancavano ancora 2 mesi. Solo al suo incontro abbiamo capito l’importanza di tutto ciò…”Ho terminato i cicli di chemioterapia, sono un’insegnante di scuola elementare voglio che i miei bambini al mio rientro mi vedano senza parrucca e con un nuovo look”. Loro sono la mia vita’ e la mia forza per andare avanti.

Del resto prima d’intraprendere la scelta di prendermi cura di chi sta affrontando percorsi di chemioterapia,avevo la consapevolezza che non sarebbe stato facile.
L’importanza di ridare a queste grandi donne la voglia di guardarsi allo specchio e nonostante tutto di sentirsi nel posto giusto a proprio agio, coccolate e capite è fondamentale.
Non hanno scelto la “malattia” quindi garantire loro un equilibrio è basilare.
Quando ho capito l’importanza di farle star bene ho anche capito che quello che loro trasmettono a me è ancora più importante ed essenziale.
Si va ad instaurare un rapporto indescrivibile, dove le emozioni si amplificano a 1000.
Succede che a volte sono solo gli occhi a parlare,perché quella giornata è così!
La prima volta che ho toccato con mano e vissuto questa esperienza é stato con una nostra carissima cliente che settimanalmente frequentava il salone.
Vedere lo smarrimento nei suoi occhi,il non sentirsi più giusta nel suo corpo, l’aver perso tutti i capelli…mi ha fatto
capire che non è il servizio di per sé che viene eseguito che le fa star bene ,ma poter mantenere la routine di un tempo,il sentirsi nel posto giusto ma soprattutto il sentirsi “donne”.
È in quel momento che il mio metodo lavorativo è cambiato, ho ideato “Percorsi per chi sta affrontando cicli di chemioterapia”, ed ho creato risultati
Questa evoluzione mi ha permesso di essere la persona che sono!
Unire i miei valori con ciò che faccio mi permettono di arrivare a sera ed essere orgogliosa di me stessa e soprattutto di motivare tutto ciò.
Spesso ho rifiutato offerte per utilizzare prodotti più commerciali più economici con margini di guadagno più alti, oppure ho rifiutato di fare certi lavori tecnici che vanno contro la mia etica lavorativa.

Io ho scelto i miei clienti ,non amo il guadagno facile,il guadagno arriverà comunque, certo ci vorrà più tempo,ma di sicuro sarà la conseguenza di ciò che ho seminato.

Poche cose mi gratificato quanto il sorriso delle mie clienti .
Il riuscire ad instaurare un rapporto così intimo e particolare con persone che si approcciano a me per la prima volta, durante la malattia è importantissimo, ma è ancor di più proseguire questo nostro percorso e ritrovarle poi una volta guarite in Salone, solari piu’ che mai, come esempio per chi questo percorso lo ha appena intrapreso.

Di Saloni di parrucchieri ce ne sono un infinità ma sono convinta che mettercela tutta nel fare le cose giuste può essere un buon inizio.Continuare a ricercare il meglio, ad aggiornarsi e specializzarsi per sorprendere sempre più chi depone la loro fiducia in noi è gratificante ed lungo andare paga sempre.

Per questo ogni volta che riceviamo una telefonata in Salone per fissare una Consulenza ha inizio la nostra responsabilità nei tuoi confronti e ti accompagnerà per tutto il tuo percorso in Salone.

Fissa un appuntamento

Ti è piaciuto il post? Condividi!